Cerca nel blog

venerdì 31 maggio 2013

[Recensendo]: "IL CORAGGIO CHE MAI HO AVUTO" di A. e S. Scarabelli

"IL CORAGGIO CHE MAI HO AVUTO"- SILVIA e ANTONIETTA SCARABELLI

-Titolo: Il coraggio che mai ho avuto
-Autore: Silvia e Antonietta Scarabelli
-Pagine: 131
-Prezzo: 13 euro http://www.ibs.it/code/9788896838372/scarabelli-antonietta/coraggio-che-mai.html


TRAMA:

Piera è una donna che vive serenamente assieme a David, suo figlio, e Andrea, suo futuro marito. Tutto sembra andare per il meglio fino a quando un giorno, improvvisamente, dopo dieci anni, si fa risentire il suo ex fidanzato, residente a Londra. L’uomo, tanto amato ai tempi della giovinezza, ma che abbandonò Piera senza spiegazioni, irrompe, come se niente fosse, nell’equilibrio costruito con tanti anni di fatica. Finché…

RECENSIONE:

Eccomi qui, come vi avevo preannunciato nella precedente recensione, per parlarvi di un altro romanzo delle sorelle Scarabelli, Antonietta e Silvia! Oggi vi parlerò del loro primo romanzo, “Il coraggio che mai ho avuto” scritto appunto a quattro mani da queste due autrici completamente italiane, edito Senso Inverso Edizioni.

Il romanzo anche questa volta, come in: “Ho sposato uno struzzo”, è incentrato sulla figura di una donna, di nome Piera, molto giovane, bella e determinata. La storia di Piera, inizia per noi, quando è ancora ragazza, innamorata di Brian un ragazzo straniero che frequenta da molto, durante le vacanze, la pensione di sua mamma a Rimini. I due sono una coppia giovane e spensierata, fino a quando una mattina Brian scompare senza lasciare alcuna traccia e Piera si ritrova incinta e sola. Un balzo temporale ci porta poi, dieci anni più avanti, dove David, il figlio di Piera è ormai grande ed è l’unica ragione di vita della giovane donna, insieme al nuovo compagno Andrea, con il quale sta per sposarsi e al grande amico Michele, con il quale sono amici da sempre.

Un giorno però, Piera si trova a leggere un’invito del ragazzo scomparso dieci anni prima, Brian, che le chiede di raggiungerlo a casa sua a Londra per parlare. Perché Brian ricompariva in questo modo improvviso?? Dopo alcuni tentennamenti e spinta da un gesto di protezione estrema verso David, Piera decide di partire per Londra, dove incontrerà l’uomo che potrebbe essere il padre di suo figlio, da qui in poi vi saranno una marea di colpi di scena che vi porteranno a divorare l’intero romanzo in sole due ore come è successo a me!
Un romanzo molto credibile per le tematiche affrontate, quali la solitudine di una ragazza madre e le difficoltà della vita dopo essere rimaste incinta e abbandonate, una storia in cui molte donne possono specchiarsi, purtroppo!

Un libro che affronta temi molto attuali e molto delicati in cui, le due autrici vogliono lasciarci una morale che serve a tutti noi, per comprendere con tolleranza l’umanità che ancora ci contraddistingue e che molto spesso ci viene negata.  Uno stile semplice e scorrevole contraddistingue l’intero romanzo, gli avvenimenti e la storia in generale sono stati trattati con minuzia e delicatezza. 

Invita alla riflessione, l’aspetto più importante, secondo me, perché molto spesso non ci si sofferma a pensare che alcune scelte potranno cambiare considerevolmente il futuro di molte persone…

Per tutti questi motivi elencati qui sopra vi straconsiglio questo romanzo, vi invito ad andare a vedere la recensione di “Ho sposato uno struzzo” che avevo fatto precedentemente e colgo l’occasione ancora per ringraziare le due autrici che sono state davvero molto gentili con me!


 A prestissimo con nuove recensioni!!

QUI LA VIDEO RECENSIONE:

Nessun commento:

Posta un commento