Cerca nel blog

lunedì 11 febbraio 2013

"Frammenti di Buio"- Steve Mosby [Collaborazione con Tre60 Ed.]


FRAMMENTI DI BUIO-STEVE MOSBY



SINOSSI:
1977. In un tiepido pomeriggio di settembre, una bambina appare dal nulla sulla spiaggia della tranquilla cittadina di Faverton. Tra le mani, stringe una borsetta che contiene solo un fiore: un fiore nero. Nel corso della sua lunga carriera, il detective Sullivan ha indagato su vari casi di persone scomparse, eppure non ha mai dovuto affrontare una situazione tanto singolare: la piccola non ricorda il proprio nome e non sa da dove viene, ma poi inizia a raccontare la sua storia, una storia che segnerà il poliziotto per il resto della vita... Oggi. È sempre stata la sua figura di riferimento, ed è per essere come lui che Neil Dawson ha deciso di diventare uno scrittore. Ma ora che il padre si è suicidato – senza lasciare nessun biglietto, nessuna spiegazione –, le sue certezze sono andate in frantumi. L’unico modo per esorcizzare il dolore è capire il motivo di quel gesto e, mentre è impegnato a mettere ordine tra le sue carte, il giovane scopre un vecchio romanzo, intitolato Il fiore nero... Anche Hannah Price ha da poco perso il padre, uno stimato detective della polizia, del quale lei ha seguito le orme, nella speranza di essere all’altezza della sua memoria. E l’occasione giusta per dimostrare il proprio valore è l’indagine sul suicidio di un famoso scrittore. Interrogando Neil, infatti, Hannah intuisce che quella morte potrebbe nascondere una verità insospettabile. Ma l’unico modo per svelarla è portare alla luce un passato oscuro che nessuno vuole ricordare e un segreto sconvolgente che, per decenni, ha ossessionato chiunque ne sia venuto a conoscenza...

RECENSIONE:
Pubblicato da Tre60 Editore, Frammenti di Buio è il nuovo romanzo di Steve Mosby. L’autore britannico  è alla sua terza pubblicazione con questo romanzo, avendo precedentemente scritto 50/50 killer e Nessuno verrà.
La storia raccontataci dall’autore è soggetta all’interpretazione del lettore, costruisce in modo abile una sorta di leggenda metropolitana, un mito, una leggenda che, si sappia ben mescolare tra realtà e finzione.


Fulcro del romanzo è il fiore nero che, in inglese sarebbe Black Flowers, titolo originale scelto da Mosby per il suo libro. Si trattava di un racconto thriller scritto da Robert Wiseman, pubblicato nel 1991, dopo ciò l’autore è scomparso…Qui è evidente la voglia di giocare di Mosby, dando l’opportunità ai suoi lettori di identificarsi coi protagonisti.
Tutto inizia con il giovane Neil Dawson, aspirante scrittore e figlio di uno scrittore, Christopher Dawson, il quale stava appunto lavorando su “Il Fiore Nero”, prima di togliersi la vita in modo inaspettato ed inatteso.. Neil scoprirà alcuni segreti contenuti nel libro che sono in qualche modo legati al suicidio del padre e compirà un’indagine che lo porterà a scoprire cose che forse non avrebbe mai voluto conoscere…
Vicino alla storia di Neil ne abbiamo una seconda, ovvero quella di Hannah Price, figlia del sergente di polizia, Colin Price. Anche lei come il padre è poliziotta ed è lei a cui toccherà il caso di Christopher Dawson, avvenuto nel territorio di sua competenza, qui anche Hannah si ritroverà a dover fare i conti e risolvere un enigma molto particolare relativo al passato di suo padre…
Le due vicende inizialmente separate verranno poi a congiungersi, incastrandosi molto abilmente l’una all’altra formando un tutt’uno perfetto, qui devo dire che Mosby ha dimostrato di essere un vero scrittore, riuscirà a tenere incollati alle pagine tutti i suoi lettori, fino alla fine contornando la vicenda di ritmi di tonalità diverse e capitoli con conclusioni bizzarre e, devo dire che con me ha centrato completamente il bersaglio, ho divorato il romanzo!!!
Un romanzo che ti cattura nel vero senso della parola, che riesce a trasportarti nei luoghi descritti, a farti sentire parte della storia, lo consiglio assolutamente a tutti perché è stata una scoperta davvero particolarmente apprezzata!Conto di recuperare presto i suoi precedenti romanzi, perché la curiosità scalpita!

VOTO:5/5

La mia videorecensione: 







Nessun commento:

Posta un commento