Cerca nel blog

mercoledì 21 novembre 2012

Recensendo...

Ciao ragazzi!! ^^
Oggi sono qui per parlarvi di due letture davvero molto particolari e coinvolgenti, spero che le recensioni vi piacciano!!! Se volete vedere la video recensione, vi metto qui il link al mio canale youtube ---> http://www.youtube.com/watch?v=1fy5PHjIjcA&feature=plcp

“THE GIVER, IL DONATORE”-LOIS LOWRY

-Titolo: Il donatore (The Giver)
-Autore: Lois Lowry
-Casa Editrice: Giunti Y
-Data di Pubblicazione:2010
-Pagine: 256
Prezzo: 9,90 €


SINOSSI:
Jonas ha dodici anni e vive in un mondo perfetto. Nella sua Comunità non esistono più guerre, differenze sociali o sofferenze. Tutto quello che può causare dolore o disturbo è stato abolito, compresi gli impulsi sessuali, le stagioni e i colori. Le regole da rispettare sono ferree ma tutti i membri della Comunità si adeguano al modello di controllo governativo che non lascia spazio a scelte o profondità emotive, ma neppure a incertezze o rischi. Ogni unità familiare è formata da un uomo e una donna a cui vengono assegnati un figlio maschio e una femmina. Ogni membro della Comunità svolge la professione che gli viene affidata dal Consiglio degli Anziani nella Cerimonia annuale di dicembre. E per Jonas quel momento sta arrivando...

RECENSIONE:
The Giver, Il donatore è stato vincitore della Medaglia Newbery nel 1993 e tradotto in trenta paesi, uscito in America nel 1993 e da allora ha venduto più di 6 milioni di copie.
Primo capitolo di una trilogia, il secondo romanzo si chiama “The Gathering Blue, la rivincita” ed il terzo, “Messenger, il messaggero” entrambi già pubblicati dall’editore Giunti nella collana Y.

Si tratta di un romanzo distopico, dove ci viene sin da ubito presentata una società di tipo molto organizzato, anche fin troppo sotto tutti i punti di vista. Ambientatao in un futuro prossimo in cui, le tendenze sociali sono portate agli estremi, fino all’essere apocalittici.
Protagonista del romanzo è un ragazzino, Jonas che vive in questa particolare società, una comunità in cui non esistono le malattie, la guerra, la povertà, la fame e l’amore, una società perfetta. Ad ogni membro viene affidato un determinato compito che dovrà portare avanti per tutta la vita,chi sbaglia viene punito con il “congedo”, dove sono stati relegati tutti quelli che hanno peccato o che non hanno represso i loro sentimenti ed istinti che, ormai sono cose sconosciute.
Le famiglie sono anch’esse ben organizzate com unità familiari composte dai genitori più un bambino maschio e una bambina femmina, di cui non sono i genitori biologici. Le loro unioni sono scelte dal consiglio degli anziani, per essere perfette e i figli sono “prodotti” da delle donne dette “partorienti” che, sono debitamente addestrate a questo ruolo.
Una comunità perfetta, scandita da cerimonie ed investiture, da qui in poi a Jonas sarà dato un compito fondamentale e tutto verrà a galla…

Un romanzo molto ricco di riflessioni capace di insinuarci il dubbio, capace di farci riflettere su ciò che ci circonda, capce di toccarci nel profondo del nostro essere. Un romanzo scritto in modo molto semplice e ben delineato, che non crea alcuna confusione, bensì non riesce a farci staccare la faccia dal libro, infatti sono riuscita a leggerlo in due sole ore, in quanto non riuscivo a chiudere il libro per il desiderio di sapere come sarebbe andato a finire.
Un romanzo che ti tocca veramente nel profondo e che ti lascia stupito da tutto ciò che hai letto e di cui sei venuto a conoscenza. Ho amato completamente questo libro e presto leggerò il seguito, capirete il mio sentimento verso questo romanzo solo quando lo leggerete…
Un libro che mi sento di consigliare assolutamente a tutti per la profondità e l’importanza dei temi trattati.

VOTO:5/5


“VITA DI PI”-YANN MARTEL

-Titolo: Vita di Pi
-Autore: Yann Martel
-Casa Editrice:Piemme-collana Bestseller
-Data di Pubblicazione:
-Pagine:334
-Prezzo:10,50 euro


“Vita di Pi” è un romanzo, strutturato in modo particolare e che, inizia come se fosse un’intervista allo stesso autore che, si appresta a raccontarci la sua storia. La vicenda, infatti, inizia in Canada che, è anche paese natio dell’autore,dove abita Piscine Patel, il nostro protagonista.

Il romanzo è diviso in 3 parti, la prima in cui Piscine o Pi, vive la sua infanzia e racconta la sua vita quotidiana, divisa fra la scuola, la famiglia, la passione per il nuoto e lo zoo del padre. Racconta anche il suo interesse per le religioni che, lo porta a contatto con: l’induismo, l’islam e il Cristianesimo.
 La sua vita prosegue in questo modo finchè, le vicende politico-economiche degli anni ’70 in India, convincono il padre di Pi al trasferimento in Canada, in cerca di fortuna. La seconda parte, ovvero la più corposa del romanzo, inizia con il trasloco della famiglia Patel e l’imbarco sulla Tsimtsum, una nave mercantile giapponese che, affonderà.

Pi, si ritroverà su di una scialuppa insieme ad alcuni animali pericolosi e dovrà superare moltissimi ostacoli per poter sopravvivere. Si ritroverà insieme a un orango tango, una iena, una zebra e Richard Parker, la tigre del Bengala di oltre duecento chili. Rimarrano in vita poi solo Pi e Richard Parker e da qui in avanti vedremo gli estenuanti tentativi del ragazzo per sopravvivere in questa situazione tragica e disperata.

Leggendo questo romanzo, ho notato molte somiglianze con il “Robinson Crusoe” di Defoe, in una chiave leggermente più zoologica, per la presenza massiccia di presenze animali in questo racconto. Il finale è veramente degno di nota, chiude benissimo l’intera narrazione, fa risplendere alla luce tutte le metafore che sono state dall’autore fino alla fine del romanzo, rivelandone la loro bellezza. Un racconto metaforico, denso di significato e di punti in cui poter riflettere. Un libro denso di emozioni, sentimenti che, rafforzano la storia di base. Questo romanzo ci manda un messaggio molto importante, trovare il coraggio, mantenere la speranza sempre, non perdere mai la fede anche quando ci sembra che, non ci sia più nulla da poter fare.

Consiglio vivamente la lettura a tutti, io sono rimasta affascinata e stupita allo stesso tempo da questa lettura e spero che regali, anche a voi, le stesse intense emozioni che, ha regalato a me,  non credo che ci possa essere alcun limite d’età per leggere questo romanzo, quindi ancora una volta vi invito a leggerlo!!

VOTO: 4/5

Spero che le recensioni vi siano piaciute!!! ^__^
A presto!!
 






4 commenti:

  1. Vita di Pi mi ispira da impazzire :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono contentissima ^^ sono molto belli entrambi!!! :D

      Elimina
  2. Che bella recensione su The Giver *-* Leggi gli altri mi raccomando!! :D
    Un saluto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie milleeeeeee :D Ma assolutamente!!!! :D come potrei non leggerli???? XD un salutone!!! :*

      Elimina