Cerca nel blog

sabato 27 ottobre 2012

°° Biblioteca no... BIBLIOTECA Sììììì !!! - RECENSENDO °°

Ciao ragazzi, 
oggi recensioni particolari, 3 libri molto diversi tra loro ma davvero molto belli. Dal titolo noterete che sono libri che appunto preso in biblioteca e che volevo leggere da moltissimo!
Vi allego qui il link del video recensioni del mio canale yt:

Ed ora iniziamo con le recensioni scritte che, saranno:

-L'ANNO DELLA LEPRE- PAASILINNA
-IL NANO-LAGERKVIST
-LE NOTTI DI SALEM-STEPHEN KING


“L’ANNO DELLA LEPRE”-ARTO PAASILINNA

Titolo: L’anno della lepre
Autore: Arto Paasilinna
Casa Editrice: Iperborea
Data di Pubblicazione: 1994
Pagine: 200
Prezzo: 20.000 Lire


L’AUTORE:

Nato nel 1942 a Kittilä, in Lapponia, è autore-culto in Finlandia, dove ogni suo libro supera sempre le 100.000 copie, e uno dei pochi scrittori finlandesi che vive unicamente della sua penna. Ex guardaboschi, ex giornalista, ex poeta, ha cominciato nel 1975 la sua folgorante carriera di scrittore. Molto amato all’estero per il suo humour travolgente, quella capacità tutta finlandese di raccontare ridendo anche le storie più tragiche, ha pubblicato finora più di trenta romanzi, oltre a pièces teatrali e sceneggiature. Nel 1994 gli è stato conferito in Italia il Premio Acerbi per L’anno della lepre, romanzo che ha superato le 100.000 copie. Vive alternando alla Lapponia e a Helsinki le sue sempre più frequenti tappe nei paesi più assolati del Sud, spesso anche in Italia. 
RECENSIONE:
Protagonista della vicenda è un giornalista, Vatanen, un uomo che ha raggiunto un momento particolare della sua vita, un punto in cui decide di ricominciare a vivere come non aveva mai potuto fare.
Una sera d’estate, si trova in macchina con un suo collega fotografo, in viaggio di ritorno verso Helsinki, quando, investe una lepre che fugge spaventata nella foresta. Preoccupato ed affranto, Vatanen scende dall’auto e la segue tra gli alberi. Qui cominciano le sue stravaganti avventure che, trasformeranno la sua vita in tutto e per tutto. Inizierà una nuova vita, girando per i villaggi della Lapponia, incontrerà personaggi tipici del nord Europa, come: gli allevatori di renne. Il nostro protagonista dovrà superare avventure ed ostacoli davvero temibili, accompagnato dalla sua lepre, ormai, fedele compagna di avventure. Vatanen, fuggito da una Helsinki che lo teneva prigioniero, deve essere ora capace di sottrarre la sua piccola lepre dalle cattiverie dell’uomo.

Un romanzo che ormai nei paesi nordici è tra i più conosciuti ed apprezzati, un romanzo sia umoristico che ecologico, che ha tanto da insegnarci e da raccontarci. Nell “Anno della lepre”, l’aspetto più importante è quello della natura e nel corso della vicenda incontriamo animali tipici dell’ambiente nordico, dalla lepre, alle renne ed infine all’orso. Gli animali sono il punto focale di questo libro, il loro compito è di dirci qualcosa su noi stessi, per esempio, la lepre è allo stesso tempo la nostra parte selvatica, che teniamo controllata per vivere in società e la nostra parte infantile, che al mondo d’oggi è anch’essa tenuta a bada. Bisogna quindi ringraziare Paasilinna, ancora una volta, perché ci ricorda l’importanza della natur per il genere umano, speriamo che il suo messaggio possa essere colto dal più vasto numero di persone.

VOTO:5/5



“IL NANO”- PÄR LAGERKVIST

Titolo: Il nano (originale: Dvärgen )
Autore: Pär Lagerkvist
Traduttore: Ferrari,Giannini
Casa Editrice: Iperborea
Data di Pubblicazione: 1991
Pagine: 208
Prezzo: 11,50 €


L’AUTORE:
Nato a Växjo nel 1891, trascorre la giovinezza condizionato da un ambiente rurale e conservatore in un periodo di forti cambiamenti nella vita sociale, politica e letteraria. Poeta, drammaturgo e autore di romanzi e racconti, è uno dei più noti classici svedesi. Gli anni di esordio sono caratterizzati dall’interesse per le avanguardie, dalla violenza espressionistica di poesie che riflettono gli orrori della guerra e da una produzione teatrale influenzata dallo Strindberg mistico e surreale. Il romanzo Barabba gli vale il Nobel nel 1951. Le sue opere, anche le più pessimistiche, sono dettate dalla necessità di affermare i valori fondamentali della vita e dalla costante ricerca di un ateo che non riesce a superare il vuoto lasciato da una fede perduta. Muore nel 1974.

RECENSIONE:
Il romanzo narra, in forma di diario, di un nano che è al servizio di un principe rinascimentale italiano. Il nano, racconta le vicende di corte, dal suo punto di vista sul modo di comportarsi dell’uomo. Veniamo subito a contatto con i sentimenti provati da questo piccolo uomo, pieno di odio che, ci arriva direttamente in modo molto forte. Odia moltissimo gli uomini, soprattutto gli esseri più deboli, come i bambini ma, allo stesso tempo, odia anche se stesso.
Non concepisce inizialmente l’obbiettivo della scienza di maestro Bernardo, sempre intento a studiare la natura, arriverà a capire e comprendere l’utilizzo della scienza solo quando il principe da incarico a Bernardo, di costruire macchine per la guerra, strumenti di morte, per attaccare il vicino principato. Sentirà moltissimo la voglia di partecipare al combattimento, alle azioni di guerra, per uccidere un nano nemico.
La figura del nano. È una figura emblematica, sempre oggetto della fantasia di tipo popolare, figura alter ego, anima nera, come egli stesso si percepisce. Il nano è la parte oscura dell’uomo e che è l’unico che può riportare alla luce le contraddizioni umane.
Le gesta raccontate da Lagerkvist, sono scritte in modo semplice e ordinato, è un ottimo libro, a tratti leggermente inquietante ma dal significato molto profondo e che si ritrova in pochi altri romanzi. Il libro inoltre, è scritto con sorprendente abilità e risulta molto veloce e scorrevole da leggere, in quanto sono solo poco più che 200 pagine. Consigliatissimo  tutti gli amanti della letteratura nordica come, a tutti gli amanti dei libri!

VOTO: 4/5


“LE NOTTI DI SALEM”-STEPHEN KING

Titolo: Le notti di Salem
Autore: Stephen King
Traduttore: Tullio Dobner
Casa Editrice: Sperling & Kupfer edizione illustrata
Pagine: 650
Prezzo: 22 €





Un autore spettacolare, un romanzo da brivido, eccoci qui con “Le notti di Salem” di King, in un edizione illustrata, molto bella, aggiornata del romanzo che uscì nel 1975, insieme ad una nota introduttiva dello scrittore ed infine scene eliminate dalla stesura finale del romanzo che, susciteranno la vostra curiosità.
Il volume è composto da 5 parti, troviamo un prologo, la storia in sé composta da 3 parti ed ogni parte, è divisa in capitoli,titolati con i nomi dei protagonisti della storia. Infine troviamo un epilogo, in forma scritta di diario più, quello che King stesso, ha chiamato “il bicchiere della staffa”, ambientato posteriormente alla storia ed infine una parte epistolare, in cui l’autore ha reso omaggio al “Dracula” di Stoker.
Tutta la vicenda ci tiene incollati alle pagine, è un crescendo di emozioni che, l’autore delinea come un vero artista e che vi terrorizzerà fino a quando non chiuderete il volume. Questo romanzo è riuscito a terrorizzarmi senza sforzi eccessivi, in quanto la storia è  resa davvero in modo realistico e diviene molto facile celarsi nella vicenda, accanto al susseguirsi degli avvenimenti. Tuttavia, come si può facilmente andare a pensare, non è una storia dell’orrore già vista e rivista, ma bensì ogni avvenimento viene spiegato in modo talmente chiaro e dettagliato che, sembra quasi di poter toccare con mano i personaggi all’interno della vicenda.
Questo volume sembra mastodontico, per le sue dimensioni, ma vi assicuro che, una volta aperto, non ve ne libererete facilmente, lo divorerete in poco tempo. Grazie allo stile sciolto, semplice e pulito di King, il libro scorrerà in maniera fluida e senza ostacoli fino all’ultima pagina. Unica nota dolente è la parte epistolare che, un po’ tende ad annoiare il lettore.
Sono arrivata alla conclusione del romanzo sostenendo che, l’autore, non ci delude mai, si dedica al suo lavoro in maniera minuziosa e con una dovizia di particolari simile a quella di un certosino, per questo è un autore di fama mondiale. Sono sicura che, apprezzerete questo romanzo, come ho fatto io, amerete i personaggi e l’ambientazione che li circonda, vi farete piccoli piccoli nell’oscurità che li avvolge e… perché no?... ogni tanto vi scapperà un brivido di paura!

VOTO: 4/5







3 commenti:

  1. Ciaooo!!!
    Ho già visto la recensione de "L'anno della lepre" da 7972vale, ma dopo aver letto questa... me ne sono proprio innamorato!! Il prezzo è in lire... per caso sai se è in stampa attualmente??
    Ti seguo anche su YouTube e su Facebook ( mi chiamo Amos Mettifogo ti ho aggiunto tra gli amici)...
    Ho appena finito di vedere la videorecensione di Nina la bambina della sesta luna, e mi è venuta voglia di leggerla ( ho 14 anni, quindi...).
    Ora ti saluto, stammi bene! ciaooooo!!! :-)

    P.S: Anchio ho un blog, se ti va di dare un'occhiata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooooo!!! ^^ ma certo che so chi sei!!! :D
      contentissima che ti sia piaciuta!!!! :D
      l'anno della lepre lo puoi trovare o sul sito di libraccio oppure se vai sul sito di IPERBOREA lo puoi comprare da li!!!
      Fammi sapere!!! :D

      Elimina
  2. Ok :)
    Quando (e se) lo comprerò ti farò sapere :D

    RispondiElimina