Cerca nel blog

martedì 25 settembre 2012

Recensione di:


“LO HOBBIT: E LA RICONQUISTA DEL TESORO”-J.R.R. TOLKIEN


Titolo: Lo Hobbit e la riconquista del tesoro
Autore: J.R.R. Tolkien
Traduttore: Elena Conte
Casa Editrice: gli Adelphi
Data di Pubblicazione: 1937
Pagine: 342
Prezzo: 8,00 €


“Lo Hobbit” narra della magnifica avventura di Bilbo Baggins, un hobbit che abita nella Contea, un luogo molto tranquillo in cui la vita procede lenta e pacata. Un giorno, come tutti gli altri, Bilbo viene trascinato in una spedizione che gli cambierà la vita. Irrompe nella sua vita, uno strano personaggio, Gandalf il Grigio, il quale fa radunare nella casa del nostro piccolo amico, una banda di nani che cercheranno in tutti i modi, fino a convincerlo di farlo entrare a far parte della loro spedizione.
Obbiettivo della loro avventura è arrivare alla Montagna Solitaria, una volta abitata dai nani ed ora casa del drago, che li aveva spodestati per impadronirsi del loro leggendario tesoro.
Bilbo è un hobbit come tutti gli altri, vuole stare tranquillo, fare la vita di tutti i giorni, senza incontrare ostacoli o pericoli, nonostante tutto questo, allo stesso tempo, una parte di lui è attratta in modo fortissimo da questa avventura che sta per compiere. Da una parte la sua coscienza gli suggerisce di stare a casa ma, dall’altra incuriosito dall’offerta dei nani, accetterà di partire con loro.
I compagni di Bilbo saranno molti, ovvero: Thorin Scudodiquercia, Balin, Dwalin, Kili, Fili, Dori, Nori, Ori, Gloin, Bifur, Bofur e Bomber, guerrieri piccoli ma molto coraggiosi. Il povero Bilbo, vedrà creature che ben pochi hanno visto nella loro vita, come orchi, Vagabondi imponenti, gli elfi e le grandi aquile di Beorn.
Questa avventura lo cambierà completamente e metterà alla prova il suo carattere, tanto abituato alle comodità e alla sua amata Contea. Un viaggio che lo porterà ad impadronirsi di un anello, preso dalle grinfie di una creatura particolare e spaventosa, di nome Gollum.

Primo racconto della saga della Terra di Mezzo, è ben più di una semplice favola, come è stata apostrofata da molti, ma bensì un romanzo epico e adatto a gusti di qualsiasi età. Tolkien è molto descrittivo, elegante e che riesce a renderci partecipi sia delle situazioni comiche che alle scene dense di adrenalina. Lo Hobbit ha un finale molto fiabesco, con una classica morale come sfondo.
Una delle letture più belle ed appassionanti della mia vita, è stato un libro che mi ha regalato emozioni davvero particolari e che mi ha accompagnato insieme al “Signore degli anelli” in una fase particolare della mia vita.
VOTO : 5/5





Nessun commento:

Posta un commento